Svolgiamo studi di lungo termine e monitoriamo gli eventi collegati all’utilizzo dei nostri prodotti da parte dei consumatori, al fine di tenere traccia degli effetti a lungo termine sui fumatori adulti che passano ai nostri prodotti senza fumo.

I riscontri ottenuti prima dell’immissione sul mercato dei nostri prodotti senza fumo raccolti fino ad ora sono molto promettenti, così come lo è il loro potenziale di presentare un rischio inferiore rispetto alla persistenza all’abitudine al fumo per i fumatori che passano completamente ai nostri prodotti. Per capire se i nostri prodotti sono realmente in grado di avere un effetto potenzialmente positivo sulla salute pubblica, è dunque importante per noi seguire l’evoluzione di questi prodotti anche dopo il loro lancio sul mercato. Raccogliamo – attenendoci alla normativa vigente – una serie di dati per verificare se si registra una riduzione delle patologie fumo-correlate e se si verificano conseguenze indesiderate al momento del lancio sul mercato.

Combiniamo una serie di approcci, tra cui alcune modalità di vigilanza sulla sicurezza dei prodotti, studi clinici e studi epidemiologici, con lo scopo di ottenere progressivamente un quadro più chiaro del potenziale di riduzione del rischio dei nostri prodotti.


Latest_versionLTA2 (2)-01

 

 

La vigilanza sulla sicurezza dei prodotti è condotta al fine di raccogliere informazioni dai consumatori adulti che adottano le nostre alternative senza fumo.

 

Abbiamo istituito un programma di vigilanza sulla sicurezza post immissione sul mercato per consentire ai fumatori adulti, che altrimenti avrebbero continuato a fumare e che hanno deciso di passare alle alternative senza fumo, di comunicare eventuali eventi avversi correlati all’utilizzo dei nostri prodotti.

Monitoriamo con costanza questi dati per individuare potenziali problemi di sicurezza e per segnalarli, se necessario, alle autorità normative.

 

La nostra prima serie di studi

I nostri studi trasversali e di coorte ci aiutano a valutare la prevalenza e le dinamiche di utilizzo del tabacco e della nicotina, offrendoci dati sugli effetti sulla salute provocati dai nostri prodotti senza fumo.

Le conoscenze apprese dalla prima serie del Japanese Post-Market Cohort Study

 

 

Abbiamo stimato l’impatto sulla popolazione derivante dall’utilizzo dei nostri prodotti senza fumo

 

Le abitudini al fumo delle persone variano in maniera significativa, e le patologie fumo-correlate sono complesse e impiegano decenni per svilupparsi. Come è possibile, dunque, stimare l’impatto dell’utilizzo degli RRP* sulla salute della popolazione globale prima che siano trascorsi decenni?

Al fine di stimare l’impatto degli RRP* sulla salute della popolazione, abbiamo elaborato un modello epidemiologico sulla base di simulazioni matematiche, utilizzando dati di vita reale di pubblico dominio, nel rispetto dei requisiti stabiliti dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense e della legislazione vigente in ciascuno dei Paesi coinvolti.

Consulta la nostra fonte dalle International Smoking Statistics

Abbiamo basato il nostro modello di impatto sulla salute della popolazione su fattori come la prevalenza del fumo, le singole storie di fumo e le dimensioni della popolazione, utilizzando i dati raccolti da diversi Paesi, tra cui Stati Uniti, Germania, Regno Unito e Giappone. Abbiamo abbinato questi dati ai tassi di mortalità delle patologie fumo-correlate così come stabilite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il modello dell’impatto sulla salute della popolazione che ne deriva ci aiuta a stimare una serie di scenari complessi, incluse diverse ipotesi sulla potenziale riduzione del rischio ottenibile con i nostri prodotti senza fumo rispetto alla persistenza all’abitudine al fumo. Il modello comprende anche dati relativi ai non fumatori, fornendo così una stima dell’impatto sulla salute della popolazione in generale.

Le stime sono importanti in quanto già disponibili oggi, ovvero prima che i risultati degli studi a lungo termine siano effettivamente disponibili. Fino ad ora, i risultati del modello suggeriscono che i nostri prodotti senza fumo hanno il potenziale di ridurre il danno provocato alla popolazione dalle principali patologie fumo-correlate. Consulta la nostra pubblicazione specializzata sul modello:

 

Weitkunat, R., et al. (2015). “A novel approach to assess the population health impact of introducing a Modified Risk Tobacco Product”. Regul Toxicol Pharmacol 72(1) (Un approccio innovativo per valutare l’impatto sulla salute della popolazione derivante dall’introduzione di un prodotto del tabacco a rischio modificato): 87-93.

Lee, P. N., et al. (2017). “Estimating the effect of differing assumptions on the population health impact of introducing a Reduced Risk Tobacco Product in the USA” (Stimare l’effetto di ipotesi diverse sull’impatto sulla salute della popolazione derivante dall’introduzione di un prodotto del tabacco a rischio ridotto negli Stati Uniti). Regul Toxicol Pharmacol 88 192-213.

G. Baker, et al. (2017) "Modeling the impact of changes in tobacco use on individual disease risks” (Modellizzazione dell’impatto sui rischi delle singole patologie derivante dai cambiamenti nell’uso del tabacco).