Affinché un prodotto senza fumo possa raggiungere l’obiettivo di ridurre il danno, esso deve presentare un profilo di rischio inferiore rispetto alla persistenza dell’abitudine al fumo e, allo stesso tempo, deve risultare di gradimento ai fumatori adulti che altrimenti continuerebbero a fumare, così da potere essere adottato in modo esclusivo. Oltre al gusto, e ad altri aspetti sensoriali, crediamo che un apporto di nicotina comparabile a quello delle sigarette sia un fattore importante ai fini dell’accettazione da parte dei fumatori adulti.

 

I prodotti senza fumo contengono nicotina: sono comunque rischiosi?

 

Ci preme sottolineare che i prodotti che contengono tabacco e/o nicotina non sono privi di rischi. Minori, donne in gravidanza o donne in allattamento, nonché persone affette da patologie come cardiopatie, pressione arteriosa elevata o diabete, non dovrebbero in alcun modo utilizzare prodotti a base di tabacco o contenenti nicotina. In particolare, siamo assolutamente convinti che i minori non debbano in alcun modo avere accesso a prodotti a base di tabacco o contenenti nicotina.

A tal fine, nel Rapporto del 2014 del Surgeon General statunitense vengono citati alcuni studi su animali in cui è stato dimostrato che il consumo di nicotina da parte di adolescenti può inibire lo sviluppo cognitivo1.

Tuttavia, alcuni studi indipendenti hanno dimostrato che, sebbene la nicotina non sia priva di rischi e causi dipendenza, essa non rappresenta la causa principale delle patologie fumo-correlate2.

La maggior parte degli effetti nocivi provocati dal fumo di sigaretta è causata dalle sostanze chimiche che si formano quando il tabacco viene bruciato.

Siamo pertanto convinti che eliminare la combustione e, di conseguenza, ridurre drasticamente i livelli dei composti nocivi, noti come sostanze dannose e potenzialmente dannose , siano elementi fondamentali per lo sviluppo di prodotti senza fumo.

Unitamente alla riduzione o all’eliminazione delle sostanze dannose e potenzialmente dannose, ci proponiamo anche di offrire un rituale associato al gusto e un livello di nicotina paragonabile a quello delle sigarette, contribuendo così a favorire la completa adozione dei prodotti alternativi da parte di quei fumatori adulti che altrimenti continuerebbero a fumare.


 

“La nicotina di per sé non è particolarmente nociva e se potesse essere resa disponibile in una forma accettabile ed efficace come alternativa alla sigaretta si potrebbero salvare milioni di vite.”

― Tobacco Advisory Group, Royal College of Physicians

[1] Le conseguenze del fumo sulla salute – 50 anni di progressi: Rapporto del Surgeon General

[2] Rapporto del Surgeon General