Offrire alternative senza fumo ai fumatori adulti può ridurre il rischio di danni alla salute. Auspichiamo che questo approccio riceva il sostegno degli organismi preposti alla salute pubblica e che venga integrato nelle attuali iniziative volte, da un lato, a prevenire l’iniziazione al fumo e, dall’altro, a incoraggiare la disassuefazione.


Un approccio normativo basato su evidenze scientifiche convalidate consentirebbe di tutelare la salute pubblica e al contempo garantire che i fumatori adulti possano avere accesso a prodotti senza fumo e ad informazioni corrette e non fuorvianti riguardo a tali prodotti. Crediamo che la possibilità di accedere a queste informazioni rappresenti un approccio alla salute pubblica basato sul buon senso.

Le normative attuali dovrebbero tenere conto della natura innovativa dei prodotti senza fumo. Dovrebbero garantire l’osservanza di standard specifici sotto il profilo della qualità e delle prestazioni. È altresì auspicabile che solidi riscontri scientifici dimostrino il profilo di rischio ridotto che caratterizza questi prodotti.

 


Il nostro contributo fino ad ora

La nostra approfondita valutazione della Piattaforma 1 è stata sottoposta al vaglio di enti regolatori di diversi Paesi. A dicembre del 2016, abbiamo presentato una richiesta alla Food and Drug Administration statunitense per il riconoscimento del nostro prodotto come “Prodotto del tabacco a rischio modificato” (MRTP, Modified Risk Tobacco Product). Inoltre, abbiamo presentato richieste analoghe agli enti normativi di diversi Paesi membri dell’UE.

Presentazione UE – Direttiva sui prodotti del tabacco

Richiesta per il riconoscimento come “Prodotto del tabacco a rischio modificato” presentata alla FDA

Richiesta di autorizzazione all’immissione in commercio di prodotti del tabacco presentata alla FDA